martedý 21 gennaio 2020
 
 
.
L'Associazione Parco Arte Vivente
L'Associazione Parco Arte Vivente

Private Garden

Fino al 31 dicembre 2010

Attraverso l’esposizione si vogliono mostrare le sperimentazioni messe in atto dagli artisti coinvolti in un’idea di presentazione del progetto di creazione delle opere d’arte, in relazione alle tematiche legate al vivente e all’arte cosiddetta ambientale.



pav.jpgL’Associazione si è costituita nel 2002 a Torino, per iniziativa dell’artista Piero Gilardi, con lo scopo di promuovere la creazione e lo sviluppo di istituzioni artistiche dedicate alla specifica tematica del rapporto tra arte e natura. L’impegno principale dell’Associazione, in questi primi anni di attività è costituito dalla realizzazione del PARCO D’ARTE VIVENTE, Centro d’Arte Contemporanea, a Torino. A questa disposizione progettuale e promozionale si affiancano indagine, ricerca ed elaborazione teorica sulla problematica dei parchi d’arte contemporanea quali “musei interattivi nella natura”.

 L’Associazione riunisce artisti, architetti, critici d’arte e operatori culturali motivati ad elaborare il filone estetico specifico dell’ “arte del vivente” concretizzando soluzioni museologiche innovative e metodologie artistiche interdisciplinari e peculiarmente partecipative. L’incipit alla nascita di questa comunità interdisciplinare si può ravvisare in una serie di fenomeni culturali della seconda metà del ‘900 giunti a cruciale maturazione nello scorcio del nuovo secolo: dalla contaminazione tra arte e vita all’emergere del paesaggio e dell’ambiente naturale come medium espressivo e simbolico dell’architettura e dell’arte; dall’espansione della funzione e del significato relazionale delle pratiche artistiche all’intersezione delle arti con le tecnoscienze, fino all’odierna ibridazione con la logica del vivente della Bio Arte. Sulla base di queste premesse si sviluppa la sinergia progettuale operativa tra i ruoli dell’architetto, del curatore, dell’artista, del ricercatore scientifico e dell’animatore didattico. Per essi è fondante la metodologia del lavoro in equipe e contemporaneamente l’attitudine alla partnership con gruppi di iniziativa e comunità artistiche della vasta e orizzontale rete internazionale dei centri arte/natura e dei parchi d’arte.

Le pratiche dell’Associazione sono caratterizzate da un approccio interattivo e relazionale a tutti i livelli: dall’affiancamento agli artisti nel loro processo creativo e realizzativo, all’accompagnamento del pubblico nella sperimentazione delle risorse creative del medium “vivente” e nella comprensione degli apparati cognitivi necessari a interpretare la natura nelle sue forme e nei suoi codici. Nel complesso delle sue attività, l’Associazione sviluppa, a lato delle sue finalità artistiche istitutive e in virtù del suo registro culturale-antropologico, una intrinseca e dinamica azione sociale per l’ampliamento di campo della creatività, oltre i suoi confini canonici, e per il radicamento della coscienza e della responsabilità ecologica.
 
< Prec.   Pros. >
.

Libri

Otto vele all'orizzonte
Otto vele all'orizzonte
Laura Margherita Volante
MEF - Maremmi Editori Firenze - dal 1958






Leggi tutto...
 















© 2008 Il Faro Verde
www.massimovolponi.it