domenica 16 dicembre 2018
 
 
.
Pinocchio e il Gratta e Vinci

marpac.jpgPinocchio e il Gratta e Vinci,

5 Dicembre 2010, Vasanello (VT) Personale di Pittura di FrancaMaria Pace

Domenica 5 Dicembre 2010 ore 18.00, nel cuore del Centro Storico di Vasanello (VT), “Da Maura al Cantinone” apre i battenti la Personale  di Pittura di FrancaMaria Pace.
Il suo percorso artistico espositivo inizia solo tre anni fa quando FrancaMaria Pace comincia a proporsi come “Imbrattatele”  e in completa incoscienza prende a fare mostre. Ha partecipato a vari eventi e quelli che per lei hanno lasciato una maggiore traccia  sono sicuramente: Sante Madri&Rivoluzionarie, dove ha avuto modo di conoscere Piero Ceragioli, artista e curatore pistoiese;   Omaggio a Carlo Urbani a Camerata Picena (AN) dove grazie alla cura dell’Artista Massimo Volponi ha iniziato una tradizione: ogni anno partecipa alla collettiva  al Castello del Cassero insieme agli artisti della comunità il Faro Verde:L’ultima di quest’anno è Omaggio a G.B. Pergolesi  con lo Stabat Mater.
 FrancaMaria Pace iniziato a esporre nel 2008 alla Galleria Hesperia di Pomezia, dove è stata presente in varie collettive: Principia2010, Donna femminile Plurale, Liberamente2. Qui ha avuto modo di apprezzare l’amicizia delle due Scultrici-Pittrici: Paola Di Giovanni, Giovanna Alfeo.
 Alla fine del 2008, la sua prima personale a  Montefiascone al Volo DiVino,  dove ha presentato un lavoro che maggiormente ha rappresentato la sua fortuna: “Chi dirige chi?”.. A Montefiascone è iniziata la collaborazione  con Perle D’autore, associazione onlus di cui è diventata membro,  fondata da Patrizia Torri che unisce arte musica e poesia.
Con  alcuni artisti tusciani (P.Berti, F.Cagnetti)  a marzo 2010,  ha fatto parte del gruppo Artisti in Tuscia, che  in giugno a Palazzo Orsini di Bomarzo ha presentato  la Prima Collettiva di Artisti in Tuscia, facendo anche parte dell’organizzazione.
Ora però, dopo aver fatto il giro della Sardegna  nel 2009,: tra G8 e Figurativo e informale; a  Napoli tra Espressioni Cromatiche 2008 e A passo con l’Arte 2009,  tra Pitigliano Artexpò  2008 in Maremma e Kromaticamente Parlando a Forte Michelangelo  a Civitavecchia in maggio 2010, e ancora Montefiascone in Agosto 2010 con Degustando ARTE è arrivato il momento di esporre a Vasanello, dove sono forti le sue radici.
Tra le opere presentate, tra vecchi e nuovi lavori ne citiamo alcuni che mettono l’accento su alcuni problemi sociali, come Pinocchio e il Gratta e Vinci, dove la crisi economica che viviamo e il bombardamento dei media ci fa sperare come nelle favole, nella facile fortuna ecco che c’è gente che si rovina come il povero Pinocchio. Come Siamo tutti schiavi di etichette e categorie, in  “Alice fuori e dentro la scatola”  e ci come a ognuno appiccichiamo un’etichetta per proteggerci poiché non sappiamo gestire le persone che non sappiamo catalogare!
La forza della fantasia in Zuccabus, vista l’esperienza d’inaffidabilità delle istituzioni correnti nei confronti della disabilità!
Il rispetto dei diritti in Afganistan, le donne al voto:  “Donne che si avvicinano al diritto con la paura negli occhi, in alcune c’è la sfida, in altre il timore. Chi ancora si nasconde…e non osa avvicinarsi…..,”  opera che è stata scelta per ricordare il “25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne”  dall’Assemblea Legislativa dell’Emilia Romagna nel libro “ Memoria, consapevolezza, cittadinanza. Percorsi e temi della storia, per sentirsi cittadini in Europa, in Italia e in Emilia Romagna”.
La donna schiava nella rappresentazione di Schiave: “Infanzia rubata....lei chiusa in un Harem.... la donna che pensa già di correre da un'altra parte, ....un'altra schiava del lusso e dall'apparenza, ... mentre la madre bambina non ha sogni se non di sopravvivenza….”. La prigione del doppia-faccia in Linearità e Ipocrisia:  “Ogni giorno si indossa una maschera per nascondere la linearità e la semplicità che è in noi. “ Si è raggiunto la libertà di stampa e di espressione nel mondo occidentale, ma ad oggi siamo tutti schiavi dell’ipocrisia. La stanchezza del Guerriero : ” La vita che ti passa accanto e che non hai tempo di vivere solo perché sei impegnato a guerreggiare” . Il dolore della madre che vede morire il figlio, la pietrificazione del suo dolore nello Stabat Mater: Omaggio allo Stabat Mater di G.B. Pergolesi.
Il volto specchio dell’anima nel L’uomo in difetto:  “Lui si guarda intorno …. la sua malafede negli occhi, la sfrontatezza nella bocca e la paura nel bavero!”
Il pensiero guida:
“Nelle mie opere, preferisco  i soggetti animati a quelli inanimati, e prediligo il volto umano in ciò che dipingo. Credo che il volto umano esprima tutto ciò che uno vuole vivere o stia vivendo e, nei miei quadri cerco di rappresentarlo!”

 
< Prec.   Pros. >
.

Libri

Voci d'acqua
"Voci d'acqua" ed. Firenze Libri

Laura Margherita Volante
Leggi tutto...
 















© 2008 Il Faro Verde
www.massimovolponi.it