mercoledý 19 dicembre 2018
 
 
.
Sguardo diVino Serralunga
baccoverde.jpgSguardo diVino collettiva  del gruppo artistico Tecnica Mista a cura di Lella Vairo
presso il Castello di Forneglio a Serralunga di Crea (AL)
Domenica 06 Marzo 2011 a  Martedì 08 Marzo 2011

"Una botte di vino in più per il vignaiolo, una botta di colore in più per il pittore.
Il vino è, soprattutto negli ultimi tempi, scelto come tema, sfondo e contorno di mostre e rassegne d’arte.
Il vino in occidente è sempre stato affidato all’immortalità della pittura, il buon vino rende migliore l’uomo, lo rende capace di un’alchimia ancestrale che rende l’uva succo ispirato e ispiratore.
...
Tutte le facoltà sensoriali sono affidate alla produzione del vino, l’udito è impiegato nei canti popolari che accompagnano la vendemmia, che nelle opere vengono rappresentati come momenti sociali di indubbia allegria; il tatto: le mani che afferrano i bicchieri, bramosi, assetati o nobili; il gusto o l’olfatto che lo assaporano e la vista che lo ammira, brillante o annebbiata.
Non c’è da stupirsi se la magia del vino e dell’arte hanno avuto numerosi incontri: il vino non è semplicemente materia e colore, è un prodotto manuale frutto di esperienza e maestranze, esattamente come può essere una tarsia intagliata o uno stipo quattrocentesco.

Il vino è metamorfosi, profumo, trascendenza, divino e profano: nel corso della storia dell’arte, il vino ha assunto le più disparate allegorie e le più diverse metonimie: paesaggio, baccanale, bicchiere, caraffa, fiume, e brocche hanno da sempre raffigurato l’effervescenza nel nettare di-vino.
Le ragioni di tale popolarità all’interno in qualsivoglia contesto artistico, fin dai tempi dei tempi, si devono ricercare nell’essenza mitologica della figura di Dioniso, concetto che si oppone in modo del tutto razionale, al dibattito fra entropia naturale e ragione umana e alla ricerca dedita che caratterizzano il pittore ed il vignaiolo.

E’ proprio dall’opposizione intrinseca tra maestranza razionale ed ebbrezza sensoriale del baccanale, che nasce dal vino una risorsa inesauribile di spunti ed ispirazioni artistiche.
La figura di Dioniso riassume, con completezza, questo paradosso e la magia derivante dall’accostamento di vino e arte: il dio infatti dell’ebbrezza, della follia e delle corte di Baccanali, era anche il protettore della terra, del lavoro e dell’ordine.
Usciamo per una volta dallo stereotipo baudelairiano dell’artista maledetto che preferisce dipingere con il bicchiere a fianco della tavolozza e uniamoci a lui, immedesimandoci nella sua personale e creativa interpretazione della leggenda e del di-vino".

MICHELA MALISARDI

----------------------------

A cura di: Lella Vairo, Gruppo Artistico TecnicaMista, il Faro verde.

Artisti in esposizione:

Andrea Amaducci
Alessandro Passerini
Massimo Volponi
Vladimiro Lilla
Sabort
Monica Seksich
Elena Di Marco
Mirko Dadich
Francesco Scapolatempore
Pilar Morales
Tiziano Saitta
Michele Principato Trosso
Stefano Landolfo
Marcello Mantovani
Gaetano Tommasi
Barbara Pazzaglia
Marco Chirchirillo
Marla Lombardo
Lorena Robino
Gabriella Siciliano
Catia Briganti
Renato Cane
Paolo Berti

----------------------------

per informazioni:

Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
www.tecnicamista.deviantart.com
www.ilfaroverde.it

www.golosaria.it
 
< Prec.   Pros. >
.

Libri

Renato Guttuso

Renato Guttuso. Biografia per immagini. Catalogo mostra
Carapezza Guttuso Fabio 2009
Editore Città Aperta

Leggi tutto...
 















© 2008 Il Faro Verde
www.massimovolponi.it