luned́ 18 febbraio 2019
 
 
.
Strappi di Identità
vita.jpgAscoli Piceno - dal 23 aprile al 2 giugno 2011
Mimmo Rotella - Strappi di Identità
FORTE MALATESTA Via Ponte Di Cecco (63100)
+39 0736298213 , +39 0736298213 (fax)
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo www.ascolimusei.it
In mostra una selezione di 20 tra le 70 opere presentate con grande successo alla Galleria Civica di Padova nella mostra “Mimmo Rotella : opere scelte 1958-1996” curata da Vittorio Sgarbi e Carlo Silvestrin.
orario: sabato, domenica, festivi e prefestivi 10.00 - 19.00; martedì e giovedì 10.00 - 13.00; mercoledì e venerdì 15.00 - 18.00. Lunedì chiuso
biglietti: 4 € intero; 2 € ridotto; 1 € studenti.; 5 € Le biglietto unico per famiglie.
vernissage: 23 aprile 2011.
autori: Mimmo Rotella
note: organizzazione: associazione Rosa dei venti, sponsorizzata dalla galleria Opus, con il contributo della fondazione Carisap
genere: arte contemporanea, personale
email: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo


L’associazione Rosa dei venti , sponsorizzata dalla galleria Opus, con il contributo della fondazione Carisap e con il patrocinio della Regione Marche e del comune di Ascoli Piceno , ha il piacere di presentare la mostra “ Strappi di Identità” , una selezione di 20 tra le 70 opere presentate con grande successo alla Galleria Civica di Padova nella mostra “Mimmo Rotella : opere scelte 1958-1996” curata da Vittorio Sgarbi e Carlo Silvestrin.
La mostra presentata dal prof. Stefano Papetti e dal prof. Giarmando Dimarti verrà ospitata nella splendida cornice del forte Malatesta in Ascoli Piceno dal 23 aprile al 02 giugno 2011 .
Sono doverose le riflessioni sulla propria identità nell’anno in cui si celebrano i 150 anni dell’unità nazionale. E l’elemento principe che alimenta e pone le basi solide a queste riflessioni è proprio la memoria.
La straordinarietà di Mimmo Rotella è stata quella di avere avuto prima di molti altri il giusto intuito di avvertire il cambiamento repentino che la società italiana stava affrontando nel dopoguerra . un periodo di ricostruzione che veniva sostenuto con grandi sacrifici che in compenso restituiva benessere . Da li il prolificare dei messaggi pubblicitari tramite la cartellonistica .
Strappare quei manifesti e incollarli su tela contribuiva a creare un oggetto che conservasse in un sol colpo tempo e spazio . i suoi décollages ci parlano di Marylin Monroe ,Anita Ekberg e di tanti altri miti cinematografici dell’epoca, ma anche in oggetti di uso comune che venivano così resi come sacri, come rappresentativi di una società.
Facendo tesoro delle correnti pop , del cubismo e del rady-made, Rotella riuscì a fonderli insieme contribuendo alla discussione artistica che Pierre Restany definì “nuovo realismo”:operazione che oggi ci consente di poter avere dei documenti visivi di una identità italiana di un quarantennio.
In definitiva la sua produzione artistica ci consente di essere partecipi di una “illuminazione” ; in questo modo Rotella definì la propria intuizione .
 
< Prec.   Pros. >
.

Libri

Ankon Borderline

Massimo Di Matteo 

"Ankon Borderline - Miti secolari e storie di una Città difficile-"

Il lavoro editoriale 

Leggi tutto...
 















© 2008 Il Faro Verde
www.massimovolponi.it