mercoledý 19 dicembre 2018
 
 
.
Transavanguardia italiana

senza-titolo-9.jpgTransavanguardia italiana

La transavanguardia italiana è un movimento artistico italiano nato nei primissimi anni Ottanta.

La Transavanguardia teorizzava un ritorno alla manualità, alla gioia ed ai colori della pittura dopo alcuni anni di dominazione dell'arte concettuale. Il movimento, teorizzato e sistematizzato dal critico Achille Bonito Oliva, è ascrivibile come un movimento del tutto italiano, scarsamente riconosciuto all'estero, vide protagonisti un quintetto di artisti: Sandro Chia, Enzo Cucchi, Francesco Clemente, Nicola De Maria e Mimmo Paladino, ai quali poi si aggiunsero Mimmo Germanà, Ernesto Tatafiore e Nino Longobardi (presenti nella sezione Aperto '80, della Biennale di Venezia del 1980). Contestualizzata, a posteriori, come una delle correnti del postmodernismo, la transavanguardia, grazie alla natura anticipatoria dei movimenti che hanno caratterizzato l'attraversamento del Concettualismo, ha continuato ad essere protagonista in Italia di ulteriori ondate, sovrapponendosi alle altre tendenze post-moderne.
Caratteristiche della transavanguardia

Concetto di "attraversamento" (trans) sostituito a quello di "avanzamento"
Genius loci: riscoperta delle radici locali e popolari di ciascun artista,
Ideologia del traditore: liberarsi da qualsiasi norma, ideologia o potere.
Passo dello strabismo: attenzione ai fenomeni laterali e inattesi.

 
< Prec.   Pros. >
.

Libri

Caravaggio
Caravaggio
AUTORE / Francesca Cappelletti
Electa
Leggi tutto...
 















© 2008 Il Faro Verde
www.massimovolponi.it