giovedý 20 giugno 2019
 
 
.
Depero
senza-titolo-42.jpgFortunato Depero

Nato nel 1892 a Fondo, nella Val di Non, ancora giovanissimo Depero si trasferisce a Rovereto (all’epoca entrambe le cittadine erano territorio dell’Impero austro-ungarico). Qui studia alla Scuola Reale Elisabettina, un istituto d’arte frequentato da molti artisti che in seguito diventeranno protagonisti del panorama culturale italiano del Novecento.
Per la città di Rovereto sono anni difficili quelli, perché anche se sotto dominio austriaco, vi sono molti movimenti irredentisti che ne vorrebbero l’annessione all’Italia. Nel 1908 tenta l’iscrizione all’accademia delle belle arti di Vienna, ma viene respinto,così nel 1910 va a lavorare a Torino come decoratore all’esposizione internazionale. Al suo ritorno a Rovereto lavora da un marmista, occupandosi di lapidi funebri. Depero è molto attratto dalla scultura, che caratterizzerà le sue opere future. In particolare questa sua passione per le arti plastiche la si ritroverà nella pittura, “prepotentemente” volumetrica e solidificata. Non solo, ma a tal proposito è forse opportuno ricordare che all’inizio Depero si presentava come scultore.Alla libreria Giovannini espone due volte alcune sue opere, nel 1911 e nel 1913. Sempre nel 1913 pubblica il suo primo libro, “Spezzature”, un insieme di poesie e pensieri accompagnati da disegni. Nel dicembre del 1913 rimane colpito dalla mostra di Umberto Boccioni a Roma, dove conosce molti dei suoi “idoli”, tra cui Giacomo Balla e Filippo Tommaso Marinetti.Tramite il gallerista Sprovieri riesce a esporre, sempre a Roma, all’”Esposizione Libera Futurista Internazionale” nella primavera del 1914,dove si confronterà con nomi prestigiosi. In prima fila: Depero, Marinetti e Cangiullo nei loro panciotti futuristi. Fotografia scattata il 14 gennaio 1924, in occasione della replica dello spettacolo della Compagnia del Nuovo Teatro Futurista a Torino. In seguito torna in Trentino per allestire una mostra a Trento, ma gli viene comunicato lo scoppio della Prima guerra mondiale, perciò si trasferisce a Roma.Diventa allievo di Giacomo Balla e riesce a entrare nella cerchia del primo gruppo futurista.Nel 1915 assieme a Balla scrive un manifesto divenuto poi fondamentale: “Ricostruzione futurista dell’universo”. Qui Balla e Depero si autoproclamano astrattisti futuristi e inneggiano ad un universo gioioso, «coloratissimo e luminosissimo».
 
< Prec.   Pros. >
.

Libri

101 Storie di regine e p...

101 Storie di regine e pricipesse

che non ti hanno mai raccontato
di Marina Minelli.

Leggi tutto...
 















© 2008 Il Faro Verde
www.massimovolponi.it