venerd́ 14 dicembre 2018
 
 
.
Premio: “Mario Camerini”

castbell4.jpgPremio:
“Mario Camerini migliore canzone da film”
XII edizioneCASTELBELLINO (AN)
21 luglio 2013 - ore 21,15

CASTELBELLINOARTE20XXI1II Ediz3ione
Medaglia d’Argento
del Presidente della Repubblica
Assessorato alla Cultura di Castelbellino
in collaborazione con
Compagnia dell’Arco - Pro Castelbellino
CASTELBELLINO (AN)
21 luglio 2013 - ore 21,15
www.comune.castelbellino.an.it In caso di cattivo tempo la manifestazione si terrà presso il Teatro “B. Gigli”

Premio:
“Mario Camerini migliore canzone da film” 2013 al cantautore TONY CANTO interprete e autore della canzone:
“Ti amo Italia”
dal film: “Benur - un gladiatore in affitto”
Concerto: musiche da film
Old fashion trio
Presenta:
Catiuscia Ceccarelli
Proiezione film:
“Benur - un gladiatore in affitto”
Interpreti:
Nicola Pistoia,
Paolo Triestino,
Elisabetta De Vito
Regia: Massimo Andrei

Mario Camerini (Roma, 6 febbraio 1895 – Gardone Riviera, 4 febbraio 1981) è stato un regista italiano fra i più celebri e significativi del suo tempo.
Lavora per il cinema dal 1913 come sceneggiatore. Dopo l'esordio nella regia con Walli (1923), Camerini si impone all'attenzione del pubblico e della critica, sul finire degli anni Venti, con alcuni film muti fra cui Kiff Tebbi (1928) e soprattutto Rotaie (1929), una drammatica storia d'amore presentata poco più tardi anche in Germania con notevole successo, che vide l'esordio dell'attore Guido Celano. Nel 1932 dirige il giovanissimo Vittorio De Sica in Gli uomini, che mascalzoni..., garbato e accattivante lungometraggio che apre la sua cosiddetta "pentalogia borghese": seguono infatti quattro film ambientati nel mondo della piccola borghesia (Darò un milione, Ma non è una cosa seria, Il signor Max e I grandi magazzini), quasi tutti interpretati dalla coppia Vittorio De Sica - Assia Noris. Quest'ultima, russa di origine, diventò, in quegli anni, moglie del regista.

Camerini si concede una divagazione nella farsa vivace (Il cappello a tre punte, con Eduardo e Peppino De Filippo) e una nella retorica di regime (Il grande appello, sulle conquiste africane del fascismo).

Negli anni Cinquanta continua a dirigere commedie romantiche e film d'avventura. La sua ultima opera è del 1972: un episodio della serie di Don Camillo (Don Camillo e i giovani d'oggi) con Gastone Moschin. Dai primi anni Settanta smette la propria attività. Muore a ottantasei anni nel 1981.

 
< Prec.   Pros. >
.

Libri

Ankon Borderline

Massimo Di Matteo 

"Ankon Borderline - Miti secolari e storie di una Città difficile-"

Il lavoro editoriale 

Leggi tutto...
 















© 2008 Il Faro Verde
www.massimovolponi.it