venerdý 14 dicembre 2018
 
 
.
IndiGesta
spong.jpg
IndiGesta
personale di Pierluca Cetera 
Pergola (PU) Sponge Living Space (Casa Sponge)
Dal 18 ottobre 2015 al 22 novembre 2015

“Rifugio del presente”, così si intitola l’ottava stagione espositiva di Sponge ArteContemporanea che da ottobre 2015 ad agosto 2016 accompagnerà le proposte dell’associazione culturale di Pergola (PU). Per tutto l’anno la home gallery diventerà un “nascondiglio”, dove rifugiarsi circondati dalla natura e dall’arte contemporanea.

Nessun altro luogo riesce, come una casa, a rendere appieno l'idea ed il significato del titolo scelto per la nuova stagione di Sponge: Rifugio del presente.

Questo spazio sperduto nelle colline marchigiane rappresenta oggi, ed ha rappresentato nel corso degli ultimi otto anni, un vero e proprio rifugio per l'arte contemporanea. Non solo una home gallery, come tante altre nate in Europa, ma un centro di ricerca no-profit dedicato all'arte contemporanea, slegato da realtà politiche ed economiche, che ha perseguito negli anni un unico obiettivo, quello di dare spazio ad artisti e curatori che avessero idee da esprimere ed un lavoro di qualità da proporre e che si è affermato sulla scena nazionale con lavoro attento, spesso autoprodotto, e sempre in linea con un'idea di ricerca internazionale. Il rifugio diventa quindi un luogo di creazione e di scambio, un momento di ospitalità che sfocia in una residenza o in una mostra. Casa Sponge è un luogo intimo e solitario in cui l'artista è costretto a mettere a confronto i suoi pensieri e la sua creatività con uno spazio vissuto, in cui il lavoro deve necessariamente essere forte e uscire per quello che è, senza il conforto della neutralità di uno spazio bianco appositamente pensato.


Questa stagione espositiva è all’insegna delle novità: nell'intento di creare una rete culturale locale e virtuosa, Sponge per quest’anno si insedia in uno dei luoghi più affascinanti di Fano (PU), il Bastione Sangallo.

Il primo appuntamento, in concomitanza con la Giornata del Contemporaneo, è sabato 10 ottobre 2015 (ore 19) negli spazi del Bastione Sangallo a Fano (PU) in collaborazione con La Staffetta del Bianchello con l’anteprima della mostra di Pierluca Cetera, che inaugurerà domenica 18 ottobre presso lo Sponge Living Space (Casa Sponge) a Pergola (PU). Indigesta, questo il titolo della sua mostra personale curata da Davide Quadrio, sarà aperta a mezzogiorno, sperimentando la nuova formula di un pranzo autogestito e condiviso.

IndiGesta, il site specific pensato da Pierluca Cetera insieme a Quadrio per Sponge, si confronta con lo spazio casalingo portando oggetti (e non pure pitture) che si accendono solo in un gesto inedito dello spettatore. E' lo spettatore presente, e non l’artista, che in questo modo attiva il lavoro.

Nove dipinti posati ognuno in una stanza, otto ovali convessi appesi e uno al centro di un vecchio tavolino. Uomini a mezzo busto su fondo bianco, a torso nudo, in atteggiamento di sfida, spavaldi. I personaggi sono visibili dallo spettatore quando quest'ultimo accende un fiammifero direttamente sulla superficie abrasiva del dipinto. Un graffio, una visione, uno sguardo prima del buio.

Graffio dopo graffio, la figura si altera, il dipinto cambia forma fino a disperdersi in un'ultima visione in cui le sciabolate dei fiammiferi mettono "al loro posto" le figure marziali, annullandole. I ritratti in penombra stravolgono l'idea del personaggio eroe, del dipinto al centro dell'attenzione, mettendo simbolicamente il ruolo della pittura ritrattistica in una posizione dubbiosa e a tratti solforica. Infatti questa partecipazione dello spettatore voluta ma casuale, precisa e allo stesso tempo imprevedibile si risolve nell'opera di lucifera presenza sul tavolino, centro e fine di questa mostra indiGesta, proprio perché lo spettatore e' forzato a un comportamento "innaturale" e irriverente verso la pittura, e, in generale, verso l'opera d'arte come oggetto "sacro". IndiGesta e' quindi una mostra performativa prima che pittorica in cui il medium pittorico e' una scusa per intrappolare lo spettatore in un gioco ironico e drammatico, che l’artista osserva da lontano sorridendone divertito.

La mostra, in collaborazione con l’azienda vinicola Terracruda, sarà visitabile su appuntamento fino al 22 novembre 2015.
 
< Prec.   Pros. >
.

Libri

101 storie sulle Marche

101 storie sulle Marche
che non ti hanno mai raccontato

Marina Minelli

 

Leggi tutto...
 















© 2008 Il Faro Verde
www.massimovolponi.it