mercoledģ 18 settembre 2019
 
 
.
METAMORPHOSIS

METAMORPHOSIS
Dieci artisti nel borgo delle leggende
Serra San Quirico,
Ancona  18 maggio al 31 agosto 2008
Vanni Cuoghi, Cuoghi & Corsello, Maurizio Elettrico, Tamara Ferioli, Flatform, Paolo Grassino, Katia Orgiana, Alex Pinna, Sabrina Sabato, Carlo SteinerA cura di Mimmo Di Marzio

Dieci artisti del nuovo panorama dell'arte italiana, selezionati in base alla loro esperienza a lavorare in relazione con lo spazio, creano opere ad hoc per gli ambienti del borgo di Serra San Quirico, sul tema della Metamorfosi, intesa nella sua accezione mitologica e animistica, e seguendo la tradizione popolare che vede l'incantesimo come simbolo di salvezza spirituale e di rinnovamento morale. Serra San Quirico è un antico borgo medievale immerso nella natura selvaggia dell'appennino marchigiano. La sua storia, che trae origine dai primi insediamenti etruschi, si fonde con la forza paesaggistica del Parco Naturale della Gola della Rossa e di Frasassi, luoghi di forte intensità  naturalistica ma densi anche di storie e leggende che fondono la tradizione pastorale a quella religiosa e spirituale. Alcune di queste leggende, rimaste impresse nella cultura popolare, sono intrise di allegorie legate al tema della metamorfosi e dell'incantesimo.  I progetti degli artisti prendono vita in spazi pubblici del borgo, sia interni che esterni, e si sviluppano attraverso tutti i linguaggi artistici, dalla pittura alla scultura, dall'installazione al video. Le opere, realizzate dagli artisti direttamente sul luogo, in alcuni casi con il coinvolgimento degli abitanti del borgo, si intrecciano in una sorta di percorso interattivo che raccoglie frammenti dei luoghi e coagula la visione dell'artista e l'esperienza degli spettatori.  L'artista, in questo senso, diventa al contempo narratore di mirabilia ma anche alchemico trasformatore della materia e quindi della Natura. I progetti
Tema della videoinstallazione dei Flatform è il paesaggio che circonda il borgo, inteso come sistema connettivo delle relazioni che regolano i rapporti tra le persone. Il video sottolinea un legame "a specchio" tra l'ambiente e i suoi abitanti, dove la natura gioca il ruolo dell'ineluttabile anche nelle sue trasformazioni forzate. L'installazione sonora di Alex Pinna “Twixt Land and Sea Tales   crea un gioco di rimandi e di ricordi: il passato, i mari, da quello ligure all'Adriatico ai mari di Joseph Conrad - da cui il titolo stesso dell'opera - per arrivare alla sottolineatura della dolcezza della struttura del vecchio borgo e del paesaggio in cui è immerso. Nell’installazione ambientale “Anatomy of silence , Tamara Ferioli mette in scena la dialettica tra luce e oscurità che l’artista arricchisce con l’installazione di una serie di oggetti densi di rimandi alla tradizione popolare e religiosa. Nel cortometraggio di Carlo Steiner  “SSQ Serra San Quirico  gli abitanti del paese sono gli interpreti di un insolito linguaggio che sostituisce i dialoghi della quotidianità con frasi estrapolate da celebri componimenti poetici. “Ricordati che devi morire  è il titolo dell’installazione figurativa di Vanni Cuoghi che, con centinaia di “post it , realizza un’interpretazione simbolica della morte, uno dei temi maggiormente rappresentati dall’iconografia medioevale. La scultrice Katia Orgiana si appropria di un’antica leggenda del luogo che narra di un amore contrastato, forgiando figure umane all’interno di anfore sepolte, che vanno a costituire un immaginario e misterioso sito archeologico. L’opera è ottenuta dal calco ai visi di abitanti e lavoratori della Cava Gola della Rossa. Il tema dell’alchimia è alla base dell’installazione di Cuoghi & Corsello, dove sagome di maghi prendono forma sulle mura delle antiche “copertelle  del borgo, in una sorta di danza corale che sottolinea il dialogo tra il luogo e una visione spirituale della natura. Il progetto dell’artista napoletano Maurizio Elettrico, sulla falsariga dell’epopea del “The New Empire  gioca una contrapposizione tra il mondo minerale inorganico e tecnico della civiltà umana e la vitalità caotica prorompente della natura, entrambe coinvolte in un processo di reciproca metamorfosi. L’opera di Paolo Grassino, che sorge nei giardini del borgo, esplora in chiave ironica l’universo naturalistico in cui il mondo reale e quello fiabesco, rappresentato dal suo “bestiario , si fondono armonicamente. L’installazione “Una notte in bianco  di Sabrina Sabato, infine,  analizza il tema della metamomorfosi attraverso l’esperienza del sonno-sogno, attinge all’universo di simboli infantili e di ritualità popolari.  Metamorphosis è un progetto espositivo a cura di Mimmo Di Marzio prodotto dal Gruppo Gola della Rossa, Serra San Quirico e organizzata dalla Galleria Novato Arte Contemporanea.Il Gruppo  Gola Della Rossa da sempre cerca di valorizzare, attraverso le proprie opere ed iniziative, il territorio a cui appartiene: una regione ricca di testimonianze storiche e culturali, spesso poco conosciute. Dal 2006 il calendario ufficiale del Gruppo propone  la divulgazione e la scoperta di musei nascosti della provincia: la Cartoteca Storica delle Marche di Serra San Quirico, il  Museo Internazionale dell'Etichetta di Cupramontana e  il  Museo Tattile Omero di Ancona. Il Gruppo inoltre ha realizzato la mostra “Cuore di Pietra , Mole Vanvitelliana Ancona nel 2006, e sostiene progetti a scopo sociale. METAMORPHOSISdieci artisti nel borgo delle leggendeA cura di Mimmo Di Marzio Serra San Quirico (AN)18 maggio -   31 agosto 2008Orari: 16,30 – 20.00 da martedi a domenica Inaugurazione:  sabato 17 maggio ore 17.30

 
< Prec.   Pros. >
.

Libri

Ankon Borderline

Massimo Di Matteo 

"Ankon Borderline - Miti secolari e storie di una Città difficile-"

Il lavoro editoriale 

Leggi tutto...
 















© 2008 Il Faro Verde
www.massimovolponi.it