martedì 17 settembre 2019
 
 
.
SPAC

SPAC
Sistema Provinciale d'Arte Contemporanea
 
CIRCUITO GIOVANI 2008

TALAMELLO MUSEO GUALTIERI
 
CORPO INEFFABILE
di
SIMONA BRAMATI e DESIDERIO
a cura di Chiara Canali
 
 
28 settembre - 16 novembre
 

inaugurazione domenica 28 settembre 2008 ore 18,00
 
ooooooooooooo

 

WHITE CUBE satellite Pesaro presenta

alle ore 17,45

 

MAX BOTTINO

intervento critico di STEFANO VERRI

appuntamento del White Cube/satellite di Pesaro


<= /DIV>
TALAMELLO - Museo Gualtieri

Via Saffi, 34

Orario di apertura:

mercoledì-domenica ore 10.30/12.30 - 15.30/19.00

ingresso gratuito

info: 0541.922893 - 920036

 



COMUNE DI TALAMELLO                                             
PROVINCIA DI PESARO E URBINO  Assessorato Attività Culturali-Editoria
REGIONE MARCHE, Assessorato alle Politiche Giovanili nell’ambito dell’Accordo di Programma Quadro “Giovani ri-cercatori di senso” Ministero POGAS.

CORPO INEFFABILE

di Simona Bramati e Desiderio

catalogo Vanillaedizioni

 

Simona Bramati nasce a Jesi, nel 1975, vive e lavora a Castelplanio (AN).

"La sensibilità della Bramati si insinua nello stretto spazio tra l’apparenza superficiale dell’ordine precostituito e la verità segreta di una realtà sotterranea. I personaggi della Bramati, donne-spillo o cannone, giovani annichilite in pose adulte, corpi rannicchiati e seduti in modo sgraziato, figure rattrappite o con le membra intorpidite, sono spesso caricature forti e corrosive, senza alcuna traccia di patetismo o morbosità : l’ “esserci” dei protagonisti, qui ed ora, è già di per sé l’unico, vero riscatto possibile di questi corpi. Simona Bramati svela il rimosso, svela la realtà parallela e sommersa di un mondo oscuro popolato da meraviglie dell’umanità ."

Desiderio (Sanzi) nasce a Milano nel 1978. Vive e lavora nella provincia di Terni

"Con le sue  opere Desiderio riesce a cogliere tutta l’umanità rinchiusa nel corpo-gabbia di persone solo esternamente diverse. Le espressioni, gli sguardi, le occhiate dei soggetti comunicano emozioni inattese, testimoniano una voglia di esistere più forte della vergogna e il desiderio di una normalità troppo spesso negata. Desiderio denuncia la solitudine, la diversità , la rabbia, lo svantaggio di corpi e mostri situati al di fuori dell’estetica di una società perbenista che falsifica i valori e nasconde le sbavature insite

 

 
< Prec.   Pros. >
.

Libri

IL BAMBINO CHE SEPPELLIVA CHITARRE

IL BAMBINO CHE SEPPELLIVA CHITARRE

Sergio Cardinali 

EDIZIONI CREATIVA Collana LE PLEIADI 

Leggi tutto...
 















© 2008 Il Faro Verde
www.massimovolponi.it