lunedý 24 giugno 2019
 
 
.
Adriano Calavalle
MOSTRA ANTOLOGICA

"Adriano Calavalle. Il segno Il tempo. Opere dal 1966 al 2008".
Ex Chiesa di S.Cristoforo Lodi 21 marzo – 5 aprile 2009
A cura di Elena Amoriello

calavall.jpg“Quella che ci apprestiamo a gustare è l’antologica di un maestro incisore che dall’esperienza urbinate è pronto ad entusiasmarci con suggestive opere non solo incisorie.  Calavalle è stato un importante professore della  Scuola del Libro di Urbino dove ha trasmesso tutto il suo sapere e il suo entusiasmo per la vita e per la natura ai suoi alunni, ma dove anche è cresciuto confrontandosi con maestri come Castellani, Bruscaglia e  Ceci.  Non da meno è stata la frequentazione con Emilio Vedova che ha influito sulla creazione di importanti dipinti anch’essi esposti in questa mostra. Calavalle è un artista incisore importante, riconosciuto all’interno del panorama artistico nazionale ed internazionale per la grafica”.
Un importante evento culturale pensato e organizzato da Elena Amoriello, nota artista lodigiana, non nuova all’organizzazione di eventi artistici con la capacità di individuare, organizzare ed esporre importanti opere di famosi incisori spesso provenienti da Urbino. Città questa che si può indicare come la patria dell’incisione italiana e che ha evidentemente entusiasmato l’artista lodigiana che nel 2003 inaugurò “ Da Urbino a Lodi: percorsi dell’incisione contemporanea” e nel 2004, “Archivio: Direzione Est”. Entrambe le esposizioni furono realizzate insieme a Giuliano Santini, responsabile dei Corsi Internazionali per l’Incisione Artistica e sviluppate all’interno della rassegna Naturarte  coordinata da Mario Quadraroli.

Nel percorso che ci permetterà di conoscere Adriano Calavalle saranno esposte anche importanti fotografie che ci aiuteranno ad avvicinarci a questo artista affascinato dalla natura e dalla vita.
Nell’antologica “Il segno Il tempo” Calavalle propone gran parte della sua produzione artistica dagli anni ’60 fino ad oggi attraverso opere di pittura, alcune inedite e un lavoro di grandi dimensioni(2740x2740m) una tela a forma di rombo con struttura in legno dal titolo “Spazio – Natura”  presentata anche a Milano al Centro San Fedele.
Sono presenti oltre 50 incisioni e alcune xilografie per le quali l’artista si è aggiudicato diversi premi. Non potevano mancare inoltre le numeroso fotografie in bianco e nero scattate nel corso di una vita  che mettono ancora una volta in evidenza il rapporto tra l’uomo e la natura, il segno e il gesto.
La mostra è  arricchita anche da un notevole numero di schizzi, progetti e bozze preparati dall’artista con sapiente maestria. Si tratta di disegni preparatori pensati per  lastre da incidere ma che già di per sé possono essere considerate come opere vere e proprie per la minuziosità dei dettagli, la rigorosità e tutta la poesia trasmessa.
Durante la mostra sarà presentato un video “L’inquietudine del segno” un filmato realizzato nel 1994 da un’idea di Silvia Cuppini con la partecipazione e la consulenza di Adriano Calavalle e la regia di Stefano Palombini.
Le opere in mostra saranno più di cento.
L’evento è  patrocinato dal Comune e dalla Provincia di Lodi ed è realizzato in collaborazione con sponsor locali e marchigiani. La mostra sarà inoltre presentata e pubblicizzata sull’importante rivista nazionale di incisione “Grafica d’arte” diretta da Paolo Bellini noto esperto di storia dell’incisione. La mostra è documentata attraverso il catalogo “Adriano Calavalle – Il segno Il tempo”  realizzato appositamente per questa esposizione.
 
< Prec.   Pros. >
.

Libri

Qualcosa di buono

Giorgia Coppari
Casa Editrice Itaca

Leggi tutto...
 















© 2008 Il Faro Verde
www.massimovolponi.it