martedý 17 settembre 2019
 
 
.
Inventario contemporaneo
Loreto (AN) - dal 4 aprile al 3 maggio 2009
Maria Cristina Carlini - Inventario contemporaneo
   
BASTIONE SANGALLO
La mostra espone sculture monumentali, di cui una inedita, di Maria Cristina Carlini realizzate in acciaio corten, tronchi e rami di alberi, oltre a bozzetti e gigantografie.
orario: da martedì a domenica 10.30/12.30 – 17.30/19.30. Lunedì chiuso

curatori: Carlo Franza
 inaugurazione ufficiale della scultura monumentale “Pellegrini” alla presenza delle autorità ai Giardini di Porta Marina, nello spazio esterno antistante le Antiche Cantine del Bramante del Palazzo Apostolico.

IL PERCORSO DELLA SCULTURA – Due

Progetto Artistico Internazionale ideato e diretto da Carlo Franza

Inventario contemporaneo

Maria Cristina Carlini

A cura di Carlo Franza

5 aprile – 3 maggio 2009

Loreto (Ancona)

Sedi BASTIONE SANGALLO

Piazza Garibaldi

Giardini di Porta Marina di fronte alle Antiche Cantine del Bramante del Palazzo Apostolico

La mostra Inventario Contemporaneo. Maria Cristina Carlini, curata da Carlo Franza, nell’antica città di Loreto, espone sculture monumentali, di cui una inedita, di Maria Cristina Carlini realizzate in acciaio corten, tronchi e rami di alberi, oltre a bozzetti e gigantografie.


La rassegna rientra nell’evento “Il Percorso della Scultura - Due” ideato e curato da Carlo Franza, promosso dal Comune di Loreto che grazie alla realizzazione di un Museo all’aperto della Scultura Contemporanea internazionale fa vivere il legame tra il Rinascimento italiano che alberga in questo spirituale Santuario lauretano e la simbologia del nostro tempo.


Nel prestigioso Bastione Sangallo è allestita la mostra che ospita tre paraventi policromi, numerosi bozzetti in grès e in bronzo che illustrano il significativo percorso creativo dell’artista fatto di segni, erosioni, abrasioni, tagli, unioni che rimandano a sensazioni primordiali: dalla toccante “Scenografia Praga” in bronzo alla significativa “Gaza” in grès, fino ad “Abbraccio”. I bozzetti sono affiancati da gigantografie (180x180 cm) che rappresentano le sue opere, fra cui la coinvolgente “Muro”.

In Piazza Garibaldi spicca la grande composizione scultorea Bosco del 2008 in acciaio corten, piombo e rami che entra in sintonia con il mito della natura e della terra.


Nei Giardini di Porta Marina, nello spazio esterno antistante le Antiche Cantine del Bramante del Palazzo Apostolico si ammira la scultura monumentale Pellegrini del 2009 in acciaio corten (cm 350x400x200), splendido inedito creato appositamente per l’occasione e particolare omaggio di Maria Cristina Carlini alla città che custodisce la Casa della Vergine lauretana e a tutti i pellegrini del mondo che vi giungono. L’imponente scultura verrà inaugurata ufficialmente alla presenza delle autorità domenica 3 maggio 2009.


La mostra è promossa dal Comune di Loreto, Gabinetto del Sindaco ed Assessorato alla Cultura.


Carlo Franza nel testo afferma: “tutta la sua produzione è una specie di riflessione sul tema del monumento, come luogo dove il tempo concreto viene proiettato nel tempo mitico e dove lo spazio ordinato ritualmente diventa centro del mondo. La tensione complessa con la quale gli oggetti e i manufatti sono scoperti, creati, messi in correlazione, e costruzioni-installazioni come il “Bosco”, lasciano leggere le opere come aperte, infinitamente estensibili, facendovi spesso confluire le culture plastico-architettoniche che avevano colpito la sua immaginazione (vedi Gaza) . Lo stesso “Bosco” portato in mostra ha una valenza culturale forte, perché diventa tracciato di quei boschi d’alloro che in terra marchigiana accolsero nei primi anni del secondo millennio la Casa di Nazareth, luogo di memorie e di vita, luogo di culture e di religiosità, e luogo di materiali che si leggono a vista ancor oggi persino nei mattoni di cotto visibili al visitatore. D’altronde i materiali che spesso Maria Cristina Carlini usa nelle sue sculture-installazioni vanno dall’impasto di terra, argilla e creta prima di essere messe in forno per la cottura, fino a materiali come ferro, acciaio e piombo, ecc.; materiali taluni che se hanno scarsa tradizione artistica, presentano però associazioni vive del Novecento, vale a dire energia, struttura, movimento, progresso”.


Accompagna la mostra un catalogo editato da Artegraf – Vimodrone con testo critico di Carlo Franza.


Cenni biografici

Maria Cristina Carlini ha esposto in numerose sedi pubbliche e private sia in Italia che all’estero.

Fra queste ricordiamo: nel 1992 a Parigi partecipa a “Découvertes 92” al Grand Palais con una presentazione di Elena Pontiggia; nel 2004 a Roma in Sant’Ivo alla Sapienza – Archivio di Stato presenta una personale promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali dal titolo “Tracce e Luoghi”; nel 2005 tiene una personale a Torino, nel complesso Monumentale di Palazzo Reale, promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dal titolo “Le stanze” a cura di Carlo Franza. Ancora nel 2005 una sua personale “Reperti” presso il Museo Nazionale di Villa Pisani a Strà-Venezia, promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, a cura di Carlo Franza. Nel 2008 tiene una mostra personale a cura di Gillo Dorfles presso l’Archivio di Stato di Milano, Palazzo del Senato.


Alcune delle sue monumentali sculture sono collocate in modo permanente presso i Musei Civici di Pesaro (2005), l’Archivio Centrale dello Stato di Roma Eur (Fortezza, 2006), la Corte dei Conti di Milano (La porta della giustizia, 2007), la nuova Fiera di Milano a Rho (La città che sale, 2008) e a Cosenza in piazza dei Valdesi (La vittoria di Samotracia, 2008) e prossimamente a Parigi.


Anteprima stampa sabato 4 aprile, ore 17.30

Inaugurazione sabato 4 aprile, ore 18


Saranno presenti: Carlo Franza, Storico dell’Arte Moderna e Contemporanea

Moreno Pieroni, Sindaco di Loreto

Mons. Giovanni Tonucci, Arcivescovo di Loreto

Maria Teresa Schiavone, Assessore alla Cultura di Loreto

Maria Cristina Carlini, l’artista

Gianni Schubert, gallerista
 
< Prec.   Pros. >
.

Libri

Qualcosa di buono

Giorgia Coppari
Casa Editrice Itaca

Leggi tutto...
 















© 2008 Il Faro Verde
www.massimovolponi.it