lunedý 24 giugno 2019
 
 
.
Guido Coletti
Guido Coletti
My gunpowder

13 maggio – 30 settembre 2009
Inaugurazione: mercoledì 13 maggio 2009 ore 19,30


Guido Coletti è un artista che opera in modo bivalente, secondo principi di costruzione-decostruzione e attraversato dalla ri-utilizzazione, dal ri-farsi; termine quest’ultimo da intendere come rimettere, ovvero, porre ma in altre condizioni. Intendendo, in tal senso, indagare, attraverso il segno aniconico, nella complessa realtà contemporanea che non può essere ricondotta ad un mero scontro di civiltà poiché ha sicuramente basi certe nella materia e nel pragmatismo materico. Attualmente lavora con le polveri piriche. Una serie di opere denominata Con-dominio, che è lo sviluppo di alcuni quadri, già sperimentati nel 1975 come studio. È l’utilizzo di un materiale che ha determinato la prima contaminazione dell’era contemporanea. L’artista usa il carbone, lo zolfo e il salnitro su tele già dipinte per meglio evidenziare una configurazione filosofeggiante sul preesistente. La polvere pirica - scoperta in Cina e usata inizialmente come cosmetico - dimostra così tutta la sua capacità “estetizzante - contaminante”, attraverso abbruciature e violenze che evidenziano definitivi mutamenti socio-culturali.
Alcune di queste opere compongono oggi la mostra My gunpowder ospitata al “ristorante culturale” L’Officina di Borgo XX Giugno, Perugia. Una mostra che contiene opere recenti e di forte impatto sia pittorico che ideologico. Una mostra unica nel suo genere che si presenta anche come unica occasione per poter vedere l’opera di un artista capace di suscitare emozioni attraverso il colore, le forme e la materia, in un modo assolutamente originale ed inaspettato.

Seguirà una cena ispirata alle opere dell’artista, con ricette interpretate dalla fantasia dello chef Ada Stifani.” I COLORI IN TAVOLA” - Degustazione di vini dell’azienda agricola ADANTI.
 
< Prec.   Pros. >
.

Libri

Bomarzo
Bomarzo
il Sacro Bosco /ANNO / 2009
AUTORE / AA.VV. Electa
Leggi tutto...
 















© 2008 Il Faro Verde
www.massimovolponi.it